News & Ideas

4 motivi per mantenere aggiornato il tuo sito in WordPress

aggiornamento-wordpress

WordPress è indiscutibilmente il sistema di gestione dei contenuti (CMS) più popolare per i siti Web, con un impressionante 60% della quota di mercato CMS.
Questa sua immensa popolarità lo rende bersaglio di violazioni e di inserimento di codici malevoli volti soprattutto ad attività di spam e di furto di dati.
Consultando l’elenco di tutte le versioni di WordPress possiamo notare che gli aggiornamenti di WordPress vengono rilasciati mediamente 5 volte all’anno: per ogni versione possiamo vedere i dettagli su tutte le sue novità, come nuove funzionalità, risoluzione dei bug, migliorie delle prestazioni, ecc.

Perché è importante mantenere aggiornato il tuo sito web

1. Sicurezza

La sicurezza è probabilmente il motivo più importante per cui è necessario mantenere aggiornato il proprio sito web WordPress.

Le principali vulnerabilità di sicurezza conosciute di WordPress provengono da:

  • plugin WordPress
  • core WordPress
  • temi WordPress

Ogni volta che viene riscontrata una vulnerabilità di sicurezza oppure viene decisa l’implementazione di una nuova funzionalità, il team di WordPress rilascia un aggiornamento per correggerla. Lo stesso dovrebbe valere per i plugin e i temi – i componenti essenziali per un sito creato con WordPress.

WordPress è open source e ha un team specificamente dedicato a trovare, identificare e risolvere i problemi di sicurezza che sorgono nel codice principale.

Tuttavia, questo significa che anche gli hacker possono studiare il codice e trovare modi per violare i siti web, sfruttando non solo il core di WordPress, ma anche i plugin e i temi. Ecco perché mantenere WordPress, i plugin e i temi aggiornati all’ultima versione è incredibilmente importante per la sicurezza generale del tuo sito web.

Gli attacchi di hacker più diffusi non hanno un target ben preciso, poiché quello che interessa loro è trovare dei punti deboli nella rete per prendere il possesso del server o utilizzare il nostro sito per fare attività indesiderate, come per esempio l’invio di spam.
Per esempio, se per un plugin viene scoperto un bug di sicurezza, molto probabilmente la rete verrà scansionata per trovare siti con quel determinato plugin installato.

2. Nuove fantastiche funzionalità e correzioni di bug

Ogni nuova versione di WordPress include nuove funzionalità e modifiche al software e include la risoluzione dei bug di cui si è a conoscenza fino a quel momento.

Prendiamo come esempio la versione 4.9.6 di WordPress. Esaminando le novità introdotte in questa versione possiamo notare che tra tante altre cose sono stati inseriti i miglioramenti e le funzionalità legate alla conformità alla GDPR. Questo significa che per essere “GDPR compliant” è consigliabile aggiornare il nostro WordPress a questa versione. La versione 4.9.7 ha invece risolto un problema di sicurezza.

novita-privacy-GDPR

Dalla pagina con l’elenco di tutte le versioni di WordPress possiamo notare anche che nell’anno 2018 è previsto il rilascio della versione 5 di WordPress che sostituirà l’attuale editor TinyMCE con il nuovo Gutenberg, apportando maggiori benefici alle prestazioni di un sito realizzato con WordPress.

Qui puoi trovare l’elenco di tutte le release di WordPress con i relativi dettagli.

3. Prestazioni del sito

Ogni nuova versione include numerosi miglioramenti delle prestazioni che rendono WordPress più veloce ed efficiente.

Poiché la velocità è un fattore determinante per la SEO, è necessario mantenere WordPress aggiornato per garantire i massimi benefici in termini di prestazioni.

google-pagespeed

4. Manutenzione del sito web

Effettuare la manutenzione di un sito web significa occuparsi di tutto ciò che riguarda l’aggiornamento del sito da un punto di vista tecnico.

Spesso gli sviluppatori di temi e plug-in coordinano i loro aggiornamenti con le principali versioni di WordPress per assicurarsi di sfruttare le nuove funzioni e i miglioramenti disponibili. Questo significa che al rilascio di una nuova versione WordPress seguono gli aggiornamenti dei plug-in e dei temi, che possono essere eseguiti dall’area di amministrazione del proprio sito, se questo è stato regolarmente aggiornato.
Se invece tra la versione in uso e la nuova versione è passato troppo tempo, l’aggiornamento può diventare un’attività davvero impegnativa.

Questo è il motivo per cui è fondamentale effettuare regolari backup di WordPress.

Sito non aggiornato: conseguenze

1. Vulnerabilità

Quando un sito viene compromesso le conseguenze possono essere diverse, a seconda del tipo di danno che è stato arrecato.

Le motivazioni che portano qualcuno a voler danneggiare un’attività sono molteplici, perseguite tramite la distribuzione di malware (virus o tipologie simili).
L’attività consiste nel riuscire ad inserire testi e backlink all’interno delle nostre pagine che, a volte, non sono visibili durante la navigazione, ma sono presenti nel codice.
Se invece gli hacker sono riusciti ad infettare il nostro sito con un malware, allora verremo utilizzati per contagiare più computer possibili, tra cui anche quelli dei nostri visitatori.

2. Danno al posizionamento nei motori di ricerca

Il danno maggiore probabilmente è quello che riguarda il posizionamento su Google, la SEO e le nostre pagine nella SERP.

Nell’immagine di seguito vediamo un esempio in cui Google segnala che il sito potrebbe essere compromesso.

esempio-sito-compomesso

Inutile citare la possibile perdita economica a cui si potrebbe andare incontro, oltre al grave il danno all’immagine della nostra attività.
Agli occhi degli utenti, un sito compromesso fa sicuramente scendere il livello di valutazione e fiducia che con grande fatica eravamo riusciti ad ottenere.

3. Difficoltà nella risoluzione di problemi

Chiedendo aiuto nei forum di supporto, il primo consiglio che otterrai sarà quello di aggiornare WordPress, perché già questo potrebbe risolvere il problema. Se insisti a non aggiornare WordPress, spesso non sarai in grado di ricevere supporto.

4. Incompatibilità tra le versioni

Come menzionato sopra, nel caso di aggiornamenti non regolari, ovvero quando tra un aggiornamento all’altro intercorre troppo tempo, possono sorgere varie complicanze, come per esempio l’incompatibilità tra le versioni del core di WordPress e i plugin e temi installati. In questo caso, l’aggiornamento richiede più tempo e ci sono alte probabilità che insorgano complicazioni.
In questi casi è preferibile delegare l’attività di aggiornamento ad un professionista che attuerà gli interventi correttivi del caso per ristabilire la sicurezza del sito web.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone
Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.