×

A causa dell'emergenza Coronavirus, stiamo lavorando in remoto e l'attività prosegue regolarmente, come prima, meglio di prima.
Per comunicazioni vi preghiamo di scrivere ad [email protected], lasciando i vostri recapiti. Vi ricontatteremo nel giro di poco.

News & Ideas

#Sanremo2015 su Twitter: un’àncora di salvezza per il Festival di Sanremo

Visual articolo Twitter e Festival di Sanremo

Il Festival di Sanremo mi ha sempre affascinato. Non per la manifestazione in sé, ma per il potere che ha di far parlare di sè, di essere sulla bocca di milioni di italiani ogni anno, nel bene e e nel male.

Quando c’è il Festival, c’è chi si rifiuta di guardarlo; c’è chi dice di non guardare Sanremo ma lo fa; c’è chi dice che guarda Sanremo solo per la musica o per il cantante/gruppo preferito; c’è chi guarda Sanremo perché gli piace (sì, esistono anche queste persone, ve lo assicuro).

Da molti anni snobbare il Festival di Sanremo è diventata una moda, alimentata dal fatto che molte delle precedenti edizioni non sono state all’altezza di un Festival della Canzone Italiana. Da qualche anno, però è entrato in scena Twitter, il social network più snobbato dagli italiani (un po’ come Sanremo) che però è riuscito, almeno quest’anno e almeno finora, a dirci cosa pensano veramente gli italiani del Festival.

 

tw-social

 

Twitter è un po’ il salotto italiano della TV: lo spazio in cui le persone twittano (parlano) di ciò che si guarda in televisione. Quando non c’era Twitter ci si ritrovava tutti in salotto, seduti sul divano a guardare programmi, film o serie tv, mangiando pop corn e bevendo Coca Cola, commentando tutti insieme ciò che si stava guardando. Ora l’italiano che usa Twitter attivamente non commenta: twitta. E lo fa soprattutto con dei perfetti sconosciuti o con persone di cui conosce solo l’immagine di profilo e 160 caratteri di biografia. Divano, pop corn, Coca Cola e smartphone.

E quando i commenti su Sanremo si fanno interessanti, anche il Festival lo diventa. Quelli che non lo guardano e hanno Twitter, godono all’infinito nel leggere i tweet irriverenti della gente che odia Sanremo.

 
blog_img_A

 

Chi guarda il festival, non vede l’ora di leggere i tweet altrui, per scoprire se è d’accordo o no.

 

blog_img_B

 

Chi segue il proprio cantante preferito, lo menziona o risponde ai suoi tweet per dirgli direttamente cosa ne pensa della sua esibizione o del suo brano.

 

blog_img_C

 

Le community online si organizzano con hashtag ad hoc per seguire il festival per chiacchierare (e rafforzare in senso di partecipazione).

 

tw-socialgnock

 

Insomma Twitter diventa lo strumento che mette d’accordo tutti, lo spazio pubblico che raccoglie le voci di molti, aziende comprese. I marchi che sanno cogliere le opportunità offerte da Twitter, non perdono certo tempo.

 

blog_img_D

 

E il Festival? Il Festival di Sanremo, a mio avviso, dovrebbe trarre beneficio da tutto ciò perché può finalmente migliorarsi. I numeri sono già ottimi: l’hashtag #Sanremo2015 su Twitter conta 720.000 tweet al momento. Ma non sono queste sei cifre che dovrebbero far contenti gli organizzatori del Festival, bensì il contenuto dei tweet. I commenti fatti nei salotti degli italiani diventano pubblici attraverso i tweet e, positivi o negativi che siano, rappresentano un condensato di opinioni che secondo me vale come l’oro per Sanremo. Altro che dati Auditel. Quanto vale una percentuale di share quando posso conoscere con precisione cosa è stato detto riguardo a ogni momento del Festival?

Se gli organizzatori saranno capaci di cogliere questa opportunità, lo sapremo solo con la prossima edizione. Se sarà così, finalmente, il Festival di Sanremo sarà in grado di affascinarmi, sul serio.

Ti interessa e vuoi saperne di più?

Richiedi maggiori informazioni

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone
Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Iscriviti alla nostra newsletter

Acconsento al trattamento dei miei dati in accordo alla vostra informativa privacy *